domenica 24 maggio 2015

Forlì-Bologna, toccata e fuga!

Avrei dovuto staccare. Riposarmi. Fare la turista. Ci sono riuscita? Solo in parte purtroppo. Si sono succedute telefonate, messaggi ed email di lavoro. Per tutti e tre i giorni. Ho risolto qualche grana, ma sono riuscita a riempirmi anche l'unico giorno della settimana prossima che avevo libero.
Ho passato troppo poco tempo con la mia amica, impegnata tutti i giorni in facoltà.
Sono partita con un bagaglio leggero, poca roba; non avevo messo in conto che, pur essendo poca, quella roba pesava comunque abbastanza in quei 2 chilometri abbondanti dalla stazione al complesso San Domenico! (e, per ribadirlo, secondo me, erano più di due chilometri!).
Non ho fatto lo shopping sfrenato che mi aveva pronosticato la mia amica. Ma in compenso si è arricchito tantissimo il mio bagaglio culturale.
Sono partita essenzialmente per vedere la mostra di Boldini a Forlì. Quanto ne sapevo dell'artista? Pochissimo. Quanto mi è piaciuto? Tanto, davvero tanto! Investite quei 12 euro del biglietto di ingresso e correte a vedere la mostra! (è fino a metà giugno!) Sono rimasta affascinata da quelle donne ritratte con abiti sensazionali... quanto mi sarebbe piaciuto essere una di quelle... ma anche tutto il suo percorso artistico, la malattia che verso la fine della sua vita l'ha reso quasi cieco... interessante, davvero interessante!


Forlì come città non la conoscevo. Per me era solo un nome, uno dei tanti che si succedono mentre viaggio verso Bologna. Invece ho avuto modo di apprezzarla, zaino sulle spalle a parte.
Quanti di voi avevano mai sentito parlare di una "salsamenteria"??

La Rocca di Forlì... qui ci  sono dovuta venire... per fare confronti!!! 

Poi, dopo essere riuscita a scampare l'arrivo del giro d'Italia, il mio viaggio è proseguito alla volta di Bologna. Tanta voglia di stare con una mia amica, anche se i suoi impegni con l'università non ci hanno consentito di stare troppo tempo insieme. Ho girato in lungo e in largo per Bologna, ho scoperto una gelateria buonissima (Da Gianni, in Via Monte Grappa, vicino a Via Indipendenza... non ve ne pentirete!), mi sono fatta un'overdose culturale tra musei e mostre... "Da Cimabue a Morandi" è stata quella che non mi aspettavo (nel senso che nemmeno sapevo che ci fosse!), 


"Escher" è stata quella che ho voluto vedere, forse sospinta un po' dalla moda (un gran numero di persone si vantava di averla vista!), ma che in realtà mi è davvero piaciuta! Mi sono presa pure una "ciga" (alias rimprovero) per aver scattato una foto... e le foto non erano permesse!!! 

L'opera che mi ha fatto prendere il rimprovero.... ma era troppo affascinante!
Ho scoperto qualcosa in più di questa città, l'ho apprezzata in misura maggiore... ma non è comunque riuscita a rapirmi il cuore, come ha fatto ad esempio Torino! Non riesco a spiegarmi il motivo, eppure di tempo per girare e per viverla ne ho avuto... semplicemente... non ci prendiamo abbastanza!!! 
Immancabili poi le classiche foto a San Petronio e a vicoli vari... 

San Petronio vista dai musei civici!
Ho avuto il piacere di rivedere, anche se solo per 15 minuti, una vecchia compagna di scuola, che ora vive lassù... sono passati anni, ma certi legami rimangono comunque vivi!
Sono poi ritornata al mio solito tran tran, fatto di impegni dell'ultimo minuto, nuove avventure con i turisti e le loro improbabili richieste (ma anche generose mance!), rospi ingoiati (ma non baciati... niente principi azzurri!), chiacchiere e riflessioni in macchina in un piovoso sabato sera... cerco di prendere il meglio che viene da queste giornate... ma ogni tanto la malinconia e i ricordi si fanno sentire... e certi incontri, di cui sei momentaneamente felice, poi ti fanno piombare in una tristezza che non avevi preventivato... 








8 commenti:

  1. A Roma c'è La Chapelle. Cerco volontari :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah! fino a quando è? potrei farci un pensierino...

      Elimina
  2. Ma il gelataio da Gianni è quello che ha vinto "best in town"!?!?!?
    Mi hai incuriosita sulla mostra di Boldini, ma non credo di farcela a vederla!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi sa che è lui!!! era troppo buono quel gelato!!!
      la mostra è davvero davvero bella... se riesci.... vai!

      Elimina
  3. Intanto, che cavolo vende una "Salsamenteria"? :D Salse e menta? ihihih :) Che poi pure il nome, "Tomba", non è che promette benissimo :D
    In ogni caso, bello il tuo giretto forlivese (che acculturato è? mi ricordo si chiamano così lì ^^), la cittadina sembra meritare :)
    Quanto agli incontri con persone del passato, si è vero, a volte lasciano una certa nostalgia perchè ripensi a cose "antiche", a periodi che avevi anche dimenticato, magari compàri la tua vita di ieri a quella di oggi... ma non farti "nostalgicizzare" più del necessario, vivi oggi e il tuo oggi mi sembra molto pieno e tutto da vivere :)

    Ciaoooo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti giuro che non lo so cosa vende una salsamenteria... sbirciando dentro ho visto che dovrebbe essere una via di mezzo tra una salumeria e un posto in cui vendono alcolici... però più salumeria!!
      Già maurizio, devo pensare a vivere il mio oggi... e iniziare a pensare al mio domani... anche se davvero non so come sarà... un'incertezza continua!!

      Elimina
  4. I turisti e le loro richieste assurde. Sarebbe interessante leggere un post su questo genere di cose :)

    RispondiElimina

Un commento... cosa vuoi dirmi???