sabato 14 gennaio 2017

#RevolutionRadioTour

"Per quel che vale, ne è valsa la pena per tutto il tempo. Spero ti sia goduto ogni momento”.


"It's something unpredictable, but in the end is right, I hope you'd the time of your life"
(Good Riddance)

Sulle note acustiche di questa canzone, si è chiuso, ieri sera, il mio quarto concerto dei Green Day (così come si erano chiusi anche i tre precedenti).
E' stato... magnifico, entusiasmante, partecipato... non so... aggiungete voi altri aggettivi! 
Due ore e mezza ininterrotte di musica e spettacolo, impossibile stare seduti, si è cantato e ballato tutto il tempo. Incredibile la partecipazione che c'è stata su Minority... ha quasi surclassato Basket Case!
Ma se il primo concerto a cui io e la mia amica eravamo andate era stato una sorta di suo "turning point", per quello che stava attraversando in quel momento, questo è stato una conferma... la loro presenza nelle nostre vite, a farci un po' da colonna sonora! La prima vacanza in Inghilterra per seguire due date del tour, la loro presenza costante nel mio lettore mp3, compagni di tutte le camminate e corse fatte sul lungomare o in campagna, la colonna sonora dei viaggi in macchina (in particolare l'ultimo, quello di ritorno da Mantova... che il tratto da Rimini a casa è sempre il più a rischio addormentamento...), uno dei modi che ho di mettere in pratica l'inglese, cantando le loro canzoni... insomma... è stato epico... ed è stato bello anche vedere tanti padri accompagnare figli e figlie, condividere con loro questo momento...
Dopo questi avvenimenti, io e la mia fedele compagna di avventure siamo sempre così galvanizzate dall'atmosfera... e infatti... stamattina, mentre aspettavamo il treno in stazione (il mio ha fatto 115 minuti di ritardo, parliamone), non abbiamo avuto niente di meglio da fare che... comprare i biglietti per la loro prossima data in Italia (non stasera)... il Lucca Summer Festival!
Siamo pazze? non so.... probabilmente sì!

mercoledì 11 gennaio 2017

Sono più forte di quel che penso.

Me ne devo ricordare. Parlavo ancora del concerto di venerdì a Bologna, del fatto che da qui parto sola per vedermi a Bologna con la mia "compagna di concerti" e andare poi a dormire dalla terza che vive lì.
Le ho fatto presente che mia cugina, quando aveva 16 o 17 anni (quindi 3 anni fa più o meno), era andata a Torino da sola, dove viveva il suo ragazzo (20enne), per andare al concerto di non so chi.
La risposta di mia madre: eh, ma aveva il ragazzo!
Come se un ventenne, solo perchè di sesso maschile, potesse essere una garanzia per la sicurezza di mia cugina. Le ho fatto presente che io ho le altre due... e poi, tra me e me, pensavo a tutte le situazioni del cavolo che ci siamo trovate ad affrontare... e di come ne siamo riuscite a uscire.
A Parigi ero da sola, potevo contare solo su me stessa, ho attraversato la città 12 ore dopo gli attentati viaggiando in metro e, anzi, essendo di supporto a madre e figlia romane conosciute per caso sulla metro.

Ho chiuso una relazione che non era più una relazione.
Ho trovato in me la forza per affrontare una sfida col mio corpo e prendere in mano la mia salute.

Forse dovrei tatuarmi un reminder di tutto ciò da qualche parte!

E, in tutto questo... sono sempre più gasata per il concerto!!! ;)
Occhi a cuoricino per i tre di Berkeley!!! ;)
A presto!

giovedì 5 gennaio 2017

Numeri

5 giorni di questo 2017.
Sono già andata 2 volte in palestra e una a correre, toccando, dopo tanto, gli 8 km (allenamenti discontinui, febbre a 38.5 che mi ha impedito di uscire, lavoro, lavoro, lavoro).
Serve tutto questo movimento, visto che questi giorni di feste e bagordi mi hanno regalato 2 kg. E io che ero così contenta che a Natale non ero ingrassata per niente!
Tra un mese e 7 giorni ho un matrimonio. Pensavo (e speravo) che sarebbe stato l'unico del 2017. E invece no. L'altra sera, a una rimpatriata tra amici storici, una di noi ci ha annunciato che si sposerà entro l'anno.
Felice per lei. Ma siamo già a 2 matrimoni per quest'anno! E i miei viaggi?
Certo, se mi pagassero due servizi guida fatti a ottobre 2016, non sarebbe male... e un weekend lungo ci uscirebbe fuori benissimo!


In tutto ciò, mi sono accorta che in tutto il 2016 non mi sono innamorata di nessuno... ma nemmeno attrazione per qualcuno. Niente. Anzi, penso proprio di averlo messo in stand-by quel sentimento.
Un'altra amica si augura di poter andare al matrimonio della seconda con un pancione. A me, una volta tanto, piacerebbe con un + 1. Ma forse nemmeno vale la pena perderci dietro le speranze.
Intanto, adesso, è una la cosa su cui devo concentrarmi... il concerto dei Green Day della settimana prossima! ;)

lunedì 2 gennaio 2017

AD 2017

Anno nuovo, abitudini vecchie? Postare poco è la cosa che mi sono portata dietro dal 2016... e che forse dovrei abbandonare! Ma no, quello da abbandonare è il tergiversare e il perdere tempo... ce la farò??
Natale passato, 11 uova di sfoglia per fare i cappelletti in brodo, panettoni a non finire (ma nemmeno un pandoro), capodanno idem, con la capacità di fare le 4 del mattino restando a casa di amici a chiacchierare... senza nemmeno mettere il naso fuori casa per accendere uno scintillino... nulla... ho accusato il colpo di andare a letto alle 5, per me che non ci sono abituata è stata dura.
E anche perchè... ormai c'ho un'età! 
Non so se ridere o piangere... l'altro giorno ero dall'ottica, mi stavo provando degli occhiali da vista... ero uscita dalla doccia da poco, non ero truccata minimamente... e mi sono vista... vecchia... invecchiata, con le rughette intorno agli occhi, non curata, con le luci gialle del negozio che erano davvero impietose... e mi ha messo parecchia tristezza addosso... 
Arrivo all'anno dei 33 con un pugno di mosche in mano, non so... Non sapendo quale direzione possa prendere la mia vita... sono più fortunata di tante altre persone, mie coetanee... ma vedo anche quello che mi manca... e allora, per questo motivo, cerco di riempirmela con tanti interessi... salvo accorgermi che forse sono pure troppi... 
Quest'anno... pure l'oroscopo di Paolo Fox non mi dà garanzie!!! ;)
E allora... buon anno a voi... vi lascio l'augurio con cui ho salutato i miei Igersamici:

"Vi auguro di riuscire a tenere sempre ben saldo il timone della vostra vita, e di avere l'elasticità di aggiustare la rotta, quando serve"!

(non è farina del mio sacco, lo ammetto! ma mi è piaciuto tanto!)
A presto! 

sabato 24 dicembre 2016

Buon Natale

"Il fiume scorreva placido e lento, lì a due passi, sotto l'argine, ed era anch'esso una poesia: una poesia cominciata quando era cominciato il mondo e ancora continuava. E per arrotondare e levigare il più piccolo dei miliardi di sassi in fondo all'acqua, c'eran voluti mille anni.
E soltanto fra venti generazioni l'acqua avrà levigato un nuovo sassetto.
E fra mille anni la gente correrà a seimila chilometri l'ora su macchine a razzo superatomico e per far cosa? Per arrivare in fondo all'anno e rimanere a bocca aperta davanti allo stesso Bambinello di gesso che, una di queste sere, il compagno Peppone ha ripitturato col pennellino."
(G. Guareschi - Don Camillo)

La semplicità delle piccole cose.
Riempitevene. Un sorriso, un abbraccio, un'alba spettacolare, un tramonto mozzafiato, una passeggiata, una cioccolata calda, un biscotto, una chiacchierata. Fatene tesoro.

Buon Natale!


giovedì 15 dicembre 2016

Incontri

Nel post precedente accennavo alle mie due passeggiate al parco Sempione, in cerca della luce giusta o di non so cos'altro...
Non c'ero mai stata, non sapevo cosa avrei trovato... ho iniziato a camminare un po' a caso, cercando di seguire questo o quel sentiero... erano le 8.30 del mattino, ma era tutto brinato, una nebbia incredibile saliva su dal terreno...
Continuo a camminare, arrivo al "Ponte delle Sirenette"; un signore con un cane sta passeggiando... un altro con la macchina fotografica gli si avvicina, e lo saluta.
"Good Morning".
Il signore col cane si scosta, quasi infastidito. Il fotografo ripete il suo saluto. L'altro se ne va.
Mi avvicino io. Non so perché. Inizio a chiacchierarci (in inglese).
"Mi piace salutare le persone che incontro, per vedere la loro reazione"
"Lui però non era molto per la quale"
"Non importa. Guarda che  meraviglia. Questa atmosfera è fantastica"
"Devo andare a lavorare in fiera, ma non riesco a staccarmi da qui. Non mi era mai capitato di vedere qualcosa del genere"
"Guarda qui. Io scatto in analogico. Guarda nel mirino"
"Magnifico. Io ho solo il cellulare dietro."
"Buona giornata"
"A te!"


Continuo a camminare un po', non troppo perchè iniziava a farsi tardi. Ripasso sul Ponte delle Sirenette. Una foglia cattura la mia attenzione, Comincio a fotografarla. Scendo, un ragazzo, con accento marcatamente toscano, mi si avvicina.
"E' incredibile. Guarda che luce. Guarda la nebbia. Io vorrei prendere la metro, tornare a Loreto, a casa, prendere la macchina e tornare. Guarda gli effetti su questi fiori. E quando ricapita?"
"Io devo tornare in hotel, devo andare a lavorare in fiera, non riesco a prendere la via di casa. E' tutto così magnifico".
"Buona giornata!"
"A te!"

Sono tornata entusiasta in albergo dalle mie colleghe, che non hanno fatto altro che dirmi che è nei parchi all'alba che si incontrano sempre i cadaveri... ma non mi importava nulla!
Il giorno dopo ho puntato la sveglia ancora prima. Alle 8.01 ero all'Arco della Pace. 1° circa.
E niente. Stavolta ho perso l'attimo. O meglio. Niente più nebbiolina e niente più incontri.

Milano mi ha regalato delle splendide giornate, dei bellissimi incontri, delle serate trash... io amo questa città, forse perché la vivo solo qualche giorno all'anno...
A breve tornerò... l'Albergo Diurno Venezia e il Cenacolo sono tra i miei prossimi obiettivi! 




martedì 13 dicembre 2016

Di ritorno...

Ho stanchezza accumulata da qui alla fine dell'anno... 9 giorni di fiera + 2 tra allestimento e disallestimento... sono una bella botta! Finché ero su avevo l'adrenalina che mi faceva andare avanti... adesso... accuso il colpo!
Non avevo mai fatto questa fiera per intero, non mi ero resa conto di cosa potesse essere davvero, soprattutto perchè la mia presenza era diversa rispetto a quella dello scorso anno e dell'anno prima... non più solo informazione turistica, ma aiuto nella gestione del ristorante! E quando si è in questo ruolo... fai di tutto, dalla cameriera alla lavapiatti, dalla barista alla sommelier! ;)
Contrariamente ai miei propositi, non ho girato per niente Milano... niente Duomo, niente mostra a Palazzo Marino e a Palazzo Reale, niente di tutto ciò... mi sono concessa solo due passeggiate al parco Sempione perchè era vicino al mio albergo... mezz'ora in tutto tra andare e tornare... in un'atmosfera magica, sospesa nel tempo:


Dovevo aspettare la collega che scendeva per colazione, sono uscita alle 8.20 e sono rientrata alle 9... il parco si presentava così... Una nebbia diffusa, una temperatura che oscillava tra -4 e +1 , io e tanta altra gente in giro a correre o a passeggiare (con o senza cane)... Un incontro, anzi due... di cui vi parlerò... 
Il giorno dopo ho cercato di replicare, mi sono svegliata pure prima, ho portato telefono e Ipad belli carichi, ma non è stato così... forse perchè certe cose sono fatte per essere vissute lo spazio di un'ora e niente più...
E' stata una bella esperienza, sono stata fuori diverso tempo, ho conosciuto diverse persone, ho fatto il giro del mondo in 80 padiglioni (esagerata!),ho portato a casa cose provenienti dal Madagascar, dalla Russia, dall'Alto Adige, dal Nepal (4 sciarpe in cachemire.... avrò esagerato??) , dalla Campania, dal Friuli e dalla Sicilia (ti credo che poi la valigia pesava quanto un uomo morto!), ho mangiato olive ascolane, cremini, farinata di ceci con pesto, pasta di mandorle, pecorino sardo, salsa al tartufo, una spezia strana (giuro, era una spezia!), pane con la 'nduja, biscotti valdostani, il miglior strudel del mondo, crema di pistacchio, cremino, gelato friulano alla Gubana... forse anche qualcos'altro... tutto prontamente smaltito nelle mie camminate per lo stand! 
Ho riabbracciato vecchie amiche e cugine che mi sono passate a trovare in fiera... le ho riviste prima io che le rispettive madri!! 

E' andata... e adesso... si guarda alla fine di questo 2016... devo superare lo scoglio dell'ultima guida di quest'anno... ma ce la farò!