giovedì 9 gennaio 2014

Un fulmine a ciel sereno

Nelle scorse 36 ore mi sono ritrovata a pensare di come la mia vita sia stata messa a dura prova, ma di come prove terribili come quella che sta passando la mia amica L. non ce ne sono.
Ieri mattina è morto suo papà. Ha avuto un ictus lunedì sera alle 22.30 (io ero stata a casa sua fino alle 19, altre mie amiche a cena con lei fino alle 22!), nonostante la prontezza dei soccorsi e nonostante il fatto che sia stato portato nel maggior ospedale della regione, che è quello più vicino a casa, non ce l'ha fatta. 
L. ci ha chiesto di pregare per suo padre martedì mattina. L. non è particolarmente religiosa, questa sua richiesta ci ha messo in allarme, anche se a sera pareva che qualche impercettibile miglioramento ci fosse stato. Invece ieri mattina, in ufficio, apro whatsap... e lei ci dava la notizia.
E' stato terribile. Più terribile è stato che io non sono riuscita a piangere. Non so perchè, provo una tristezza lacerante dentro per la mia amica... solo oggi, che la sono andata a trovare a casa, l'ho fatta sfogare un po' e piangere... e mi sono unita pure io. 
Forse nemmeno io mi rendo ancora conto della cosa. Sarà che tutti quanti, nel mio gruppo di amici, abbiamo entrambi i genitori viventi e ancora insieme, dopo più di 30 anni di matrimonio... sarà che io mi sento solo una figlia... non lo so... non oso nemmeno pensare... perchè come mi diceva L. prima: noi i nostri genitori li vediamo invincibili, come dei leoni... non ti viene da pensare che ormai cominciano ad avere quasi 60 anni.... che potrebbero cominciare ad avere i primi problemi di salute... Quanto accadutole mi fa pensare tanto... lei adesso ha una figlia e sembra essere lei la ragione per cui riescono a tirare avanti... poi sono ancora tutti in quella fase iniziale in cui sei talmente frastornato dagli eventi che nemmeno ti accorgi... sarà tra qualche giorno, tra qualche settimana che si renderanno davvero conto dell'immensa perdita... Ieri il nostro parroco emerito, ultraottantenne, parlando ad un'amica, lo ha ricordato come una persona "molto più cristiana di tutti quanti noi", nonostante non fosse un grande frequentatore della chiesa...E relativamente a ciò.... io non riesco ad avere risposte... stamattina Virgin Radio trasmetteva "Hai un momento, Dio?"... è quello che vorrei davvero chiedergli... 
Ma adesso è il momento di stare accanto alla mia amica, al suo compagno, a sua figlia e alla sua famiglia.

13 commenti:

  1. Risposte
    1. oggi in chiesa niente abbracci e baci di convenienza... solo un forte abbraccio...

      Elimina
  2. Nemmeno io posso pensare a certe eventualità...e intanto ti mando un abbraccione!!

    RispondiElimina
  3. é terribile. mi sono trova a pensare prima di Natale a come cambierebbe tutto se succedesse qualcosa ai miei genitori...è mancata una signora, rimasta vedova da due anni e con due figlie una di 28 e una di 25 anni. Non so proprio cosa dirti, ma capisco bene come ti senti. stai vicino alla tua amica e pregherò per lei perchè riesca a stare presto bene di nuovo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per le tue preghiere... quando facevo la prima elementare è morto il papà di una mia compagna di classe... poi però non sono più accadute cose simili nel giro dei miei amici, per cui non c'ho più pensato che potesse accadere qualcosa del genere (e mio padre pure è orfano di padre da quando aveva 9 anni)... è dura... e lo sarà tanto per tutti loro, nonostante siano una famiglia tanto unita...

      Elimina
  4. Le notizie per cui non riesci a piangere sono in assoluto le più strazianti. Ti capisco bene e ahime capisco bene anche la tua amica. Un abbraccio a te e a lei.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le tue parole sono drammaticamente vere. grazie mille!

      Elimina
  5. Questi momenti sono sempre difficili da affrontare, la cosa migliore che tu possa fare è stare con la tua amica e vedo che lo fai già. Quello che ti ha scritto Princess lo condivido anche io, mando un abbraccio virtuale a te e alla tua amica.
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille per l'abbraccio...spero davvero di riuscire a essere una buona amica per lei...

      Elimina
  6. E' dura in questi casi. La morte ti si porta via in poche ore. Per qualcuno non bastano che pochi secondi. E chi resta rimane spiazzato, non sa quale appiglio trovare. Statele vicine, la vostra amicizia le sarà di conforto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cerco di starle vicina come posso... infatti oggi vengo proprio da casa sua!!!! ;)

      Elimina
  7. mamma mia Chiara!! non l'avevo letto!! mi spiace.. si rimane sempre spaesati, attoniti e frastornatio davantio alla morte di uan persona peraltro ancora giovane. visti gli 80enn di oggi... ti abbraccio come tu sono sicura farai con la tua amica L... e si.. sei un ottima amica, perchè ci sei, in un momento così.. non ti nascondi e non scappi via... quando è morta la mamma della mia amica S (e quindi, anche del mio ex) a S, che sta lontana e pignucolava che ci eravamo viste dopo tanto per una cosa brutta.. le ho detto: "si è amiche sempre, in tutte le circostanze della vita"! smuakkete :*

    RispondiElimina

Un commento... cosa vuoi dirmi???